Ultimi post:

PIPJET


Un saluto a tutti, abbiamo ricevuto moltissime richieste per quanto riguarda il robot PIPJET percui abbiamo deciso di scrivere una breve introduzione e recensione di questo EA.

PIPJET come molti di voi sapranno è un Expert Advisor, ossia un robot automatico che trada nel mercato forex.
E' l'ultima creazione dei ragazzi che tempo fa hanno creato uno dei migliori robot esistenti per il forex ossia Mgadroid. Megadroid oramai è entrato nella leggenda, metre PIPJET possiamo dire che si tratta più di una evoluzione che di un mero rifacimento di un EA di successo.

Ebbene è un EA che è appena stato lanciato sul mercato a un costo di 97$ ma che a seguito di innumerevoli richieste potrete già trovare sulla nostra LISTA ADVANTAGE cliccando QUI a un prezzo ovviamente dimezzato, solo 45€ .

E' un EA che funziona solamente su una valuta, ossia USDCAD e nei report e nei test che potete vedere anche sul sito sta portando dei risultati impressionanti.
Megadroid è stato ed è tutt'oggi uno dei robot in assoluto più apprezzati da tutti coloro che amano il trading automatico senza troppe pretese e senza dedicare ore e ore ogni giorno davanti al pc quindi Pipjet ci aspettiamo segua la falsariga del suo fratello portando aventi la tradizione e la nomea di ottimo EA.

Quindi non ci resta che dire BENVENUTO Pipjet nella nostra Lista Advantage.

BUON GUADAGNO a tutti

INVESTinBEST Team




Se ti è piaciuto l' articolo... condividilo!
Iscriviti ai feedIscriviti via mailBuzz Itvota su OKNotizieAgregar a TechnoratiAgregar a Del.icio.usAgregar a DiggIt!Agregar a Yahoo! Agregar a facebookAgregar a twitter

TASSA DI QUA E TASSA DI LA' - BENZINA


Cari lettori di INVESTinBEST oggi parliamo di un tema sempre più "scottante" e che sta facendo saltare i nervi a parecchi automobilisti. Si avrete già capito dall'immagine di cosa si tratta... ridiamo vita una nostra cara rubrica dal titolo: TASSA DI QUA E TASSA DI LA' per mettere in chiara luce la vergognosa situazione Italiana... perchè ricordate l'informazione non ha prezzo!!!

BUONA ( si fa per dire ) LETTURA 

Non passa giorno che il prezzo dei carburanti segni nuovi record.
Tali notizie non possono che farci preoccupare ed arrabbiare un po’, MA ormai sappiamo tutti che i rincari sono legati prevalentemente alle elevate quotazioni del greggio.
Quello che forse non sappiamo - molto bene - è che sul prezzo in Italia pesano “tasse misteriose” che resistono da oltre 70 anni e che il nostro caro Paese continua a farci pagare.
Vediamo quali sono questi costi che gravano sugli automobilisti

Il prezzo complessivo è composto da varie voci: dal costo del prodotto raffinato, il trasporto primario, il costo di stoccaggio, le varie spese di ufficio e punto vendita, fino al margine per il gestore. Sembrerebbero molte, ma tutte queste voci - che contemplano spese e guadagni per divesi soggetti - ammontano solo al 30% del costo del carburante.
La vera “vergogna” arriva dalle famose accise che pesano per il 52% sul costo totale.
Pensate, la prima fù introdotta da Mussolini nel lontano 1935 - 1,90 lire al litro sulla benzina per finanziare la guerra di conquista dell’Abissinia. Poi nel corso degli anni ogni Governo ha deciso di imporre “balzelli” per ogni emergenza: dalla crisi di Suez (1956), al disastro del Vajont (1963), fino alle guerre in Libano e Bosnia.

L’ELENCO
Guerra in Abissinia del 1935 (1,90 lire)
La crisi di Suez del 1956 (14 lire)
Il disastro del Vajont del 1963 (10 lire)
Alluvione di Firenze del 1966 (10 lire)
Terremoto del Belice del 1968 (10 lire)
Terremoto del Friuli del 1976 (99 lire)
Terremoto in Irpinia del 1980 (75 lire)
Missione in Libano del 1983 (205 lire)
Missione in Bosnia del 1996 (22 lire)
Rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004 (0,020 euro, ossia 39 lire)
Decreto Legge 34/11 per il finanziamento della manutenzione e la conservazione dei beni culturali, di enti ed istituzioni culturali (0,0073 Euro)
0,040 Euro per far fronte all'emergenza immigrati dovuta alla crisi libica del 2011, ai sensi della Legge 225/92
0,0089 per far fronte all'alluvione in Liguria ed in Toscana del novembre 2011
0,112 Euro sul diesel e 0,082 Euro per la benzina in seguito al Decreto Legge 6 dicembre 2011 n. 201 «Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici» del governo Monti.

MA non finisce qui: perché come spesso accade in Italia – abbiamo una tassa sulla tassa. Su questi 25 centesimi di euro infatti, sommati alla vera e propria imposta di fabbricazione (definita per decreti ministeriali), viene aggiunta pure l’Iva del 20%.

Ma quanto guadagna lo Stato?: i conti sono facili, ogni centesimo di aumento sul carburante comporta un maggiore introito di circa 20 milioni di euro al mese per le casse dello Stato. Secondo i dati dell’Unione petrolifera nel 2007, le entrate fiscali alimentate dai prodotti petroliferi sono state superiori ai 35 miliardi (24,7 derivanti dalle accise e 10,5 dall’Iva).

Fonte: WEB

Commentate pure qui sotto per dire la vostra e se vi è piaciuto il post condividetelo oppure cliccate su "mi piace".

BUON GUADAGNO A TUTTI!

INVESTinBEST Team

Se ti è piaciuto l' articolo... condividilo!
Iscriviti ai feedIscriviti via mailBuzz Itvota su OKNotizieAgregar a TechnoratiAgregar a Del.icio.usAgregar a DiggIt!Agregar a Yahoo! Agregar a facebookAgregar a twitter
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

RISPARMIA E GUADAGNA CON SKEBBY!!

DISCLAIMER:
L'autore, l’amministratore e i collaboratori del sito INVEST in BEST si dichiarano completamente estranei e disinteressati a qualsiasi promozione di attività finanziaria implicita o esplicita in quanto per svolgere questo atto è necessario essere iscritti all'albo unico nazionale dei promotori finanziari come è prescritto dalla normativa vigente.
Tutto ciò che verrà scritto in questo sito sarà da intendersi come pura espressione e condivisione personale di idee, opinioni ed informazioni senza invitare nè obbligare nessuno a prendere parte a qualsivoglia programma, progetto e/o attività
e o acquisto di alcun prodotto e/o servizio.
Tutto ciò di cui si discuterà e scriverà sarà basato sull'esperienza personale e privata.
Si dichiarano oltretutto completamente estranei e fuor causa per eventuali perdite di denaro o altro bene avvenute per vie dirette o indirette.

Il contenuto di INVEST in BEST è protetto da copywriting
è vietata la copia totale o parziale
.